Perchè mi candido

Perché mi candido?
42 anni, spedizioniere nella logistica delle merci, già consigliere comunale.
La forza e la volontà delle persone, e di alcuni movimenti della società civile, sono alla base della mia candidatura a Sindaco di Comacchio.
La scelta di scendere in campo è arrivata infatti anche dopo un lungo confronto con le stesse persone con cui, oltre 8 anni fa, è iniziata l’avventura che ci ha portati a vincere le elezioni del 2012 appoggiando la candidatura di Marco Fabbri e alla riconferma dello stesso, nel 2017.

Sono orgoglioso dei risultati raggiunti in questi anni: dall’apertura del Museo del Delta Antico, alla ormai conclusa cittadella dello sport di Raibosola fino alla riqualificazione del patrimonio storico delle Valli, solo per citarne alcuni. La maggior parte dei traguardi verranno tagliati nel prossimo autunno.
Fondamentale per dire “sì” a questa candidatura è stato il sostegno e il supporto dell’ex sindaco Marco Fabbri che, oltre ad essere nella mia lista, garantirà un filo diretto con Bologna e un dialogo importantissimo con la Regione Emilia-Romagna per la ricerca di fondi dedicati al nostro territorio.
Noi abbiamo un programma e le idee chiare e abbiamo dimostrato solidità e compattezza del gruppo. Molti di quegli attori che nel 2010 hanno causato il commissariamento dell’Ente, oggi, a distanza di anni, ritornano sulla scena sventolando una nuova e presunta verginità politica. E allora non possiamo sottrarci al nostro impegno.
Il nostro è un progetto di continuità che si basa sulle persone e sulla loro partecipazione attiva, ma anche sul cambio di rotta rispetto ad alcuni temi sui quali bisogna migliorare. Un progetto che coinvolge cittadini che hanno a cuore il proprio territorio e che, nell’interesse di questo, hanno deciso di mettersi in gioco. Ritengo pertanto che sia nell’interesse del nostro territorio dare continuità al lavoro svolto fino ad oggi e a quel progetto che ci ha visti uniti, fin dall’inizio, nell’interesse della nostra gente.
L’impegno per il territorio, l’attenzione per le famiglie, l’onestà, la legalità e la trasparenza, sono alla base del mio agire quotidiano e i fondamenti in via di definizione del programma di azione per gli anni futuri. Ascolto e confronto costante sono punti fondamentali e, con l’aiuto di tutti i cittadini, vogliamo continuare a trasformare il paese che amiamo, nel paese che vogliamo.
Proponiamo un campo largo, plurale ed inclusivo, grazie al contributo delle diverse forze moderate, dei movimenti civici, del volontariato, dell’associazionismo laico e cattolico. La nostra è una coalizione composta da donne e uomini espressione della Società civile, volta a valorizzare i criteri della competenza e della rappresentanza territoriale, nel solco di un’alleanza di governo di ispirazione democratica, progressista e liberale.
Per permettere a Comacchio di continuare a crescere mi candido a Sindaco di Comacchio. E’ proprio dalle buone ed efficienti idee che che dobbiamo continuare a lavorare: idee fatte di condivisione, innovazione, pianificazione, organizzazione, trasparenza e serietà.

Ringrazio le tante persone che stanno credendo in me.

Non le deluderò. Ci metto la faccia, ma anche la testa.

Comacchio non si ferma!